Volpaia Vinsanto 2015 – Vinsanto del Chianti Classico – Dolce

Verso la fine di Settembre, prima della vendemmia delle uve
bianche, i migliori grappoli di Trebbiano e Malvasia vengono
raccolti e trasportati in vinsantaia, un locale sottotetto in cui le
finestre restano sempre aperte per favorire la circolazione d’aria. Qui
vengono appesi a lunghe catene e, grazie al particolare microclima di
Volpaia caratterizzato da inverni freddi e asciutti, appassiscono fino
a Febbraio, quando raggiungono la concentrazione desiderata che
garantirà al Vinsanto un elevato grado alcolico ed un buon tenore di
zuccheri residui. Le uve appassite vengono quindi pigiate e il mosto
ottenuto, dopo una chiarifica naturale, viene travasato nei
tradizionali caratelli di rovere insieme alla madre, cioè alla feccia
del Vinsanto che è stato appena tolto da quei caratelli. La madre
permette l’avvio di una fermentazione molto lenta, che può durare 5
anni, durante i quali si sviluppano i caratteri tipici del Vinsanto del
Chianti Classico. Al termine di questo periodo, il Vinsanto viene
separato dalla madre, illimpidito e imbottigliato.

Volpaia Vinsanto 2014 – Vinsanto del Chianti Classico – Dolce

Verso la fine di Settembre, prima della vendemmia delle uve
bianche, i migliori grappoli di Trebbiano e Malvasia vengono
raccolti e trasportati in vinsantaia, un locale sottotetto in cui le
finestre restano sempre aperte per favorire la circolazione d’aria. Qui
vengono appesi a lunghe catene e, grazie al particolare microclima di
Volpaia caratterizzato da inverni freddi e asciutti, appassiscono fino
a Febbraio, quando raggiungono la concentrazione desiderata che
garantirà al Vinsanto un elevato grado alcolico ed un buon tenore di
zuccheri residui. Le uve appassite vengono quindi pigiate e il mosto
ottenuto, dopo una chiarifica naturale, viene travasato nei
tradizionali caratelli di rovere insieme alla madre, cioè alla feccia
del Vinsanto che è stato appena tolto da quei caratelli. La madre
permette l’avvio di una fermentazione molto lenta, che può durare 5
anni, durante i quali si sviluppano i caratteri tipici del Vinsanto del
Chianti Classico. Al termine di questo periodo, il Vinsanto viene
separato dalla madre, illimpidito e imbottigliato.